FERMANA – MATELICA 2-2

FERMANA – MATELICA 2-2

CAMPIONATO NAZIONALE SERIE D, GIRONE “F”
XII^ GIORNATA

FERMANA – MATELICA 2-2

FERMANA (4-3-3): Olczak; Sene, Comotto, Bossa (23’ Valdes Seara), Ficola; Misin, Omiccioli, Ferrini; Iotti, Tascini (22’ st Cremona), Degano (39’ pt Urbinati). A disposizione: Salvatori, Cesselon, Gregonelli, Passalacqua, Rivi, Traini. All. Osvaldo Jaconi.
MATELICA (4-3-3): Nobile; Frinconi, Borghetti, Gilardi (22’ st Jachetta), Boskovic; Girolamini, Borgese, Perfetti (5’ st Bondi); Giovannini, Pesaresi (5’ st Picci), Esposito. A disposizione: Renzi, Lispi, Vallorani, Moretti, Lasku, Spitoni. All. Aldo Clementi.
ARBITRO: Sig. Andrea Tursi della sezione di Valdarno.
ASSISTENTI: Sigg. Pasquale Varrà e Angelo Vannini della sezione di Siena.
RETI: 3’ pt Ficola, 32’ st e 47’ st Picci, 51’ st rigore Valdes Seara.
NOTE: espulsi al 23’ pt Comotto per doppia ammonizione (gioco falloso + gioco falloso), al 49’ st Frinconi (gioco falloso + gioco falloso). Ammoniti: 35’ pt Pesaresi (gioco falloso), 14’ st Omiccioli (gioco falloso), 36’ st Girolamini (gioco falloso). Corner 2-12. Recupero 1’+6’. Prima della gara osservato un minuto di raccoglimento per ricordare le vittime della tragedia di Parigi.

FERMO – Stoica Fermana! I canarini in doppia inferiorità numerica riescono a centrare il 2-2 e a conservare l’imbattibilità del “Bruno Recchioni” in un match che verrà ricordato a lungo.
Dopo aver sbloccato agli albori con Ficola (bravo ad incornare di testa sul secondo palo un corner di Degano), il match sembrava in discesa per i gialloblù. Già, sembrava. Tursi assegna la massima punizione e sventola il secondo giallo a Comotto per un fallo su Pesaresi prossimo ad avventarsi sulla sfera non trattenuta da Olczak nel cuore dell’area piccola. L’estremo difensore si supera sul tentativo di trasformazione della punta biancorossa, ma non riesce a scacciare la nuvoletta di Fantozzi che imperversa sul capo della Fermana. Jaconi vara il 4-3-2 spostando Ferrini al centro della difesa a far coppia con Bossa e retrocedendo Iotti in luogo del centrocampista ex Civitanovese. Degano si infortuna, dentro Urbinati al centro della difesa con Bossa, permettendo così a Ferrini di tornare in mediana. Davanti resta il solo Tascini per un 4-4-1 d’emergenza. Quel Tascini – buona prestazione – schierato per la prima volta titolare nel 4-3-3 iniziale dove spiccava Ferrini mezzala sinistra.
Il Matelica fa la partita, conquista una messe di corner (il relativo computo al termine della prima frazione segna un eloquente 1-8) e occasioni, ma la porta di Olczak resta inviolata. Nella ripresa Clementi cala subito gli assi Bondi e Picci, ma paradossalmente rispetto al primo tempo è meno pungente: solo supremazia territoriale. Tascini ha finito la benzina, Bossa – autore di un ottimo esordio – è vittima di crampi, Jaconi in due minuti termina le sostituzioni a propria disposizione. Come se non bastasse si infortuna anche Urbinati. Fermana in 9. Cremona e Ferrini guidano le operazioni al centro dell’inevitabile Maginot difensiva gialloblù. Il Matelica preme. Picci pareggia e sorpassa (tap-in sul palo lungo su lancio di Borgese e colpo di testa su traversone di Bondi). La Fermana è groggy, ma viva. Molto viva. Il “Bruno Recchioni” non smette di incitare la squadra. Il Matelica prova a controllare, ma Omiccioli e C. non si danno per vinti. Sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla trequarti Frinconi abbatte proprio il centrocampista divenuto capitano dopo la doccia anticipata di Comotto e Tursi è risoluto nell’assegnare il rigore (nel frangente sarà espulso anche il terzino biancorosso per somma di ammonizioni). Il pallone è pesantissimo, ma sui piedi di Valdes diventa lieve. Lieve come il risultato finale: Fermana 2 – Matelica 2.

La cronaca

Prima frazione
3’ pt, Ficola di testa solo sul secondo palo insacca un corner di Degano.
10’ pt, traversa di Esposito da fuori area.
14’ pt, bravo Olczak a deviare in corner una punizione di Pesaresi.
22’ pt, Esposito tenta la staffilata dalla distanza, ma trova soltanto un calcio d’angolo.
23’ pt, Comotto atterra Pesaresi intento ad avventarsi sulla sfera sfuggita al controllo di Olczak, per Tursi è rigore ed ammonizione per il capitano canarino. Giallo che fa il paio con quello comminatogli al 7’ e Fermana in 10.
24’ pt, Olczak ipnotizza Pesaresi dal dischetto respingendo il tentativo di trasformazione. Il cuoio giunge sui piedi dello stesso ex San Marino che non riesce a deviare in rete la ribattuta dell’estremo gialloblù.
29’ pt, tentativo dell’ex Iotti dalla distanza.
31’ pt, cross con il contagiri dalla sinistra di Degano per Tascini sul palo lungo che di testa incorna a lato.
32’ pt, proteste matelicesi per un presunto atterramento di Sene su Esposito.
37’ pt, Pesaresi di testa di poco fuori su angolo battuto dalla sinistra di Esposito.
38’ pt, Sene esce imperiosamente dalla difesa palla al piede e pesca Tascini sulla desta che si accentra e tenta la conclusione: fuori.
45’ pt, staffilata di Giovannini da destra: esterno della rete.

Seconda frazione
16’ pt, Bondi tenta dal limite senza esito.
20’ pt, traversone da sinistra di Bondi per Picci che pecca nell’aggancio.
27’ st, si stira Urbinati e la Fermana resta in 9 poiché ha terminato le sostituzioni a disposizione.
32’ st, Borgese pesca Picci sul secondo palo che, prima, centra la base del montante poi, insacca la respinta dello stesso: 1-1.
43’ st, Jachetta conclude alto da buona posizione.
47’ st, cross di Bondi per Picci che di testa depone alle spalle di Olczak.
49’ st, sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti Frinconi abbatte Omiccioli in area e Tursi assegna il rigore e la seconda ammonizione a Frinconi.
51’ st, Valdes Seara dal dischetto insacca il 2-2: Nobile può solo intuire la traiettoria.