LA FERMANA CALA IL POKER: RICONFERMA ANCHE PER MASSIMO D’ANGELO

LA FERMANA CALA IL POKER: RICONFERMA ANCHE PER MASSIMO D’ANGELO

FERMO – La Fermana cala il poker.
Il quarto riconfermato tra i “Samurai che fecero l’impresa” di Mister Destro è Massimo D’Angelo.
Un approccio deciso e convincente quello della seconda punta di Lanciano sotto il Girfalco: arrivato durante il mercato invernale dopo qualche mese difficile a Recanati, il brillante esterno si era subito ambientato a meraviglia, mettendo in mostra le sue doti con tanta classe e una forte motivazione.
“La vittoria del campionato è stata qualcosa di fantastico. Ringrazio tantissimo la Società e il DG Conti per aver creduto in me e avermi dato la possibilità di vivere una gioia così grande – esordisce il classe 1990 dopo la firma che lo vedrà in gialloblu anche per i prossimi mesi – ero reduce da un anno di inattività dopo l’infortunio al ginocchio e in tutte le mie precedenti esperienze non ero mai riuscito a centrare il salto di categoria, piazzandomi sempre secondo. A dicembre, in pochi giorni, sono passato dalla lotta salvezza con i leopardiani a lottare per le posizioni di vertice con i canarini. Non potrei non essere riconoscente per la fiducia che mi è stata data”.
“Insieme ai compagni e ad un Mister esigente e serio come Destro, partita dopo partita, abbiamo acquistato consapevolezza nei nostri mezzi. Vincere aiuta a vincere e anche l’autostima è andata crescendo – ha proseguito D’Angelo, 29 presenze e 3 centri il suo score finale della scorsa stagione – mi sono subito trovato benissimo. Tutti insieme abbiamo saputo soffrire e sacrificarci quando ce n’era bisogno in vista di un obiettivo tanto grande che abbiamo centrato. Il segreto è stato remare tutti dalla stessa parte”.
Adesso sarà Terza Serie.
“Da ragazzo, nella mia esperienza in C2 con il Giulianova, affrontammo tutta un’altra categoria rispetto a quella che ci aspetterà tra pochi mesi – ha proseguito la funambolica ala – io totalizzai 2 marcature in 14 presenze, ma avevo davanti giocatori molto più esperti e non c’era lo spettro retrocessione. Solo una squadra sarebbe scesa direttamente visto che il campionato si sarebbe scisso in Prima e Seconda Divisione. Lo considero comunque un anno importante per la mia crescita. La Serie C che andremo ad affrontare sarà una sfida stimolante. Un campionato sicuramente difficile: ci sono tante squadre che sono vere e proprie corazzate, con blasoni ed elementi di caratura superiore, e tante altre che cercano di ben figurare giocandosi le proprie carte e tirando fuori orgoglio e qualità”.
“Tra queste vedo la Fermana – ha concluso D’Angelo, spiegando la propria scelta – che a mio parere, lavorando con la stessa serietà e determinazione di quest’anno, ha la possibilità di dire la sua anche nella serie superiore. Di certo i gironi sono tutti tosti: probabilmente si finirà nel raggruppamento B dell’Italia centrale. Sono comunque molto fiducioso dell’operato del DG e della Società e sono convinto che Mister Destro anche in questo caso saprà spronare tutti dentro e fuori dal campo a tirare fuori il meglio. Personalmente, non vedo l’ora di affrontare questa nuova avventura: consapevole di dare sempre il massimo, con umiltà ed impegno”.