LE PAROLE DI MISTER DESTRO E DEI PROTAGONISTI DI GIORNATA D’ANGELO E MISIN

LE PAROLE DI MISTER DESTRO E DEI PROTAGONISTI DI GIORNATA D’ANGELO E MISIN

Sorrisi e parole di stima pronte a riconoscere i meriti dei gladiatori gialloblu accompagnano la conferenza stampa post gara. Come sempre, il primo a presentarsi è mister Destro che, con l’equilibrio che gli appartiene sa usare le giuste parole dopo il meritato successo dei suoi: “Venivamo da brutta prestazione – commenta – Eravamo consapevoli di aver fatto male, credo che ci siamo riscattati ampiamente. Tutti sono stati encomiabili. Mi fa piacere abbiate notate l’impostazione tattica. Avevamo preparato Maurizi che veniva a darci un sostegno per ripartire con D’Angelo che ci dava profondità. Qualche volta riesce anche a noi quello che proviamo. Avevamo proprio provato a giocare con la palla sopra la linea. La migliore soddisfazione è vedere tutti contenti: giocatori, tifosi, tutti – aggiunge mister Destro – I ragazzi sono stati perfetti. Ci scontravamo contro una grandissima”. Poi analizza questo inizio di Campionato: “Ricordo che abbiamo avuto qualche prestazione non positiva, ma poi credo che stiamo facendo i punti e ci metterei la firma ad alternare cose meno buone, e poi fare i risultati. Certo, la superiorità numerica ha aiutato, ma in 11 contro 11 stavamo vincendo noi – risponde interrogato a riguardo – È stata una partita in cui tutti i giocatori della Fermana che sono andati in campo sono stati bravi”. Mister quale aggettivo userebbe per la sua Fermana? “Ostica per la mia Fermana è un aggettivo che mi piace. Deve essere il nostro compagno di viaggio questo aggettivo. Dobbiamo dare il 120 per cento ogni volta. Dobbiamo anche adeguarci alle qualità dell’avversario, visto che non facciamo quasi mai la gara. Veniamo da un settimana continua come l’altra, questa volta do un giorno in più ai ragazzi. La ripresa sarà mercoledì mattina”.

È il volto della gioia e si commuove anche pensando al periodo lasciato alle spalle, dopo la doppia operazione al crociato, l’uomo di giornata, Massimo D’Angelo, autore della doppietta con due sinistri infallibili: “Non una liberazione, di più – esordisce – Poi ho realizzato entrambi i gol col sinistro, il ginocchio operato. Non è una questione di ruoli, ma di compattezza di squadra. Se vai a vedere le partite in cui abbiamo fatto punti, la squadra era corta, ben messa in campo, eravamo tutti compatti. Questa è la nostra squadra e quando facciamo le cose che sappiamo fare, la differenza è notevole. Questi due gol li dedico alla mia compagna che mi è stata vicina in un lungo periodo in cui è stato tutto difficile e al Dg Fabio Massimo Conti che ha creduto in me. Dopo la rottura del crociato qualsiasi società mi avrebbe buttato in mezzo alla strada, mentre qui mi hanno anche rinnovato il contratto” commenta commosso, facendo commuovere a sua volta anche il Dg della Fermana, presente in sala stampa.
Una vittoria in cui in campo hanno giocato ben 5 della “vecchia guardia”, protagonisti della vittoria della serie D vinta. Tra loro Misin, vestito da assist man nella gara col Vicenza Virtus: ” Sono contentissimo per la squadra e per D’Angelo che veniva da un momento non bello. Il salto di categoria è importante e si sente, ma se mettiamo in campo le caratteristiche che ci chiede il mister in settimana, sappiamo che possiamo giocarcela con chiunque”.

Inviato da iPhone