PRESENTATO IL DIFENSORE EDOARDO SCROSTA: “CARICO E PRONTO A INIZIARE”

PRESENTATO IL DIFENSORE EDOARDO SCROSTA: “CARICO E PRONTO A INIZIARE”

E’ stato presentato ufficialmente l’ultimo acquisto, Edoardo Scrosta, difensore centrale, classe 1992 di Marotta, che arriva alla Fermana dall’Albinoleffe a titolo definitivo dopo aver sottoscritto un biennale. Oltre 100 le gare nei professionisti per il centrale che ha subito dichiarato: “C’è sempre da imparare e sono contento di poter continuare a farlo”. Si è mostrato carico e motivato, nonché desideroso di iniziare la nuova avventura con i suoi compagni agli ordini di mister Flavio Destro. D’altronde della Fermana ha a lungo sentito parlare dal suo concittadino Urbinati: “Sicuramente lui mi ha consigliato di venire qui, ma non solo, tutti me ne hanno parlato benissimo. Devo dire che ero abbastanza tentato, ricordavo bene la Fermana avendoci giocato contro lo scorso anno. Nella gara di ritorno, quando vinse l’Albinoleffe avevo comunque visto una squadra che lotta fino alla fine che non ha mollato e se l’è giocata fino in fondo”. Quanto alle condizioni fisiche Scrosta chiarisce: “Mi sento bene. Ho iniziato la preparazione il 12 luglio e ora sto bene e mi sento pronto a iniziare”. Dando uno sguardo al girone che potrebbe essere, seppure nella completa incertezza del momento, secondo Scrosta saranno le compagini del nord a fare la “voce grossa”: “Stando a come si stanno muovendo credo che potrebbero lottare per il vertice: Vicenza, FeralpiSalò e Pordenone”. Non poteva mancare qualche riferimento al mercato da parte di Massimo Andreatini, responsabile dell’Area tecnica che ha ammesso in quale direzione si stia rivolgendo, al momento, l’attenzione della società: “Dopo l’infortunio di Valentini, stiamo lavorando sul ruolo del portiere per cercare di portare un profilo brillante, ma giovane”. Parlando di Scrosta: “Si tratta di un profilo di primo livello, della zona, mancino. Non si fanno casualmente 100 presenze in serie C. Ci darà sicuramente una grossa mano anche a far crescere i più giovani. Faremo comunque ulteriori azioni per cercare di migliorare ulteriormente la squadra che nella prima gara ufficiale ha già dato dimostrazione di solidità. La partita di mercoledì ha dato spunti interessanti anche dal punto di vista offensivo, su quel campo dove non è mai facile giocare abbiamo avuto almeno 3 palle nitide. Siamo in pieno lavoro”. In un’estate come quella che si sta vivendo di grande incertezza, non è decollato il progetto delle squadre B da parte delle compagini di serie A, ma al contrario sono diverse le collaborazioni che le stesse società hanno stretto con club di serie C. “Noi siamo sempre aperti a collaborazioni – ha detto Andreatini –  e non chiudiamo le porte a nessuno, ogni discorso va intavolato”. Va detto che due pedine fondamentali per mister Falvio Destro potranno essere anche Iotti e D’Angelo, ormai lungodegenti e in piena fase di recupero. Di questo Andreatini ne è convinto: “Aspettiamo la ripresa di Cognigni, che per la prima volta dopo due anni ha ricominciato la stagione con la preparazione. La ripresa di Iotti e D’Angelo poi per noi sarà fondamentale: è come se fossero due innesti. Per le condizioni di Iotti, con i tempi ci siamo, D’Angelo dovrebbe avere un mesetto. In quest’ottica lo spostamento del Campionato va visto positivamente” ha concluso Andreatini.